Come nascono i Bitcoin e cosa li rende unici?

Il Bitcoin è una valuta digitale creata nel 2009. Ma come è nato il Bitcoin e cosa lo rende così unico. In breve, è unico grazie al fatto che non è controllato da alcun governo o istituzione finanziaria. Le transazioni vengono verificate dai nodi della rete attraverso la crittografia e registrate in un registro pubblico chiamato blockchain. Il Bitcoin viene spesso definito come un “sistema di moneta elettronica peer-to-peer”. Ciò significa che le transazioni vengono elaborate direttamente tra gli utenti, senza bisogno di una terza parte.

La preistoria delle valute digitali

Prima del bitcoin, la storia conosce una serie di studiosi e ricerche nel campo delle valute digitali decentralizzate, molto prima che il bitcoin fosse inventato. Nel 1988, il futurista Max Mohr ha esposto la filosofia dell'”esterofilia” in una serie di principi scritti che descrivevano “un quadro in evoluzione di valori e standard per il miglioramento continuo della condizione umana” attraverso l’uso di nuove tecnologie come la criogenia, l’intelligenza artificiale, la robotica, l’ingegneria genetica, i viaggi spaziali e altro ancora. Questa ideologia riunisce una comunità di scienziati e futuristi che condividono queste idee nei primi forum online.

Dalla fine degli anni Ottanta all’inizio e alla metà degli anni Novanta, gli estropici hanno prototipato progetti di valute alternative, mercati di idee, mercati di predizione, sistemi di reputazione e altri esperimenti che hanno anticipato gran parte dell’attuale spazio crittografico. Alcuni pionieri delle criptovalute erano attivi nella comunità extropian, tra cui Nick Szabo e Hal Finney. scienziato del bitcoin

Chi è Hal Phinney e come ha contribuito alla creazione del bitcoin?

Il 12 gennaio 2009, la prima transazione dopo la creazione di Bitcoin ha avuto luogo tra Satoshi e l’attivista di criptovaluta Phinney nel blocco 170. Si dice anche che Phinney sia stata la prima persona a minare Bitcoin insieme a Satoshi dopo il lancio della rete.

Hal Phinney è un programmatore e un primo sostenitore di Bitcoin che è stato il primo a ricevere una transazione Bitcoin da Satoshi Nakamoto. A lui si attribuisce anche lo sviluppo del primo sistema proof-of-work utilizzato dal bitcoin e da altre criptovalute. Phinney è un membro attivo della comunità delle criptovalute, che è stata determinante per lo sviluppo del bitcoin. Si è spento nel 2014 dopo una lunga lotta con la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Nick Szabo e come ha contribuito alla creazione del bitcoin?

Nick Szabo era un programmatore, crittografo e avvocato, noto soprattutto per il suo lavoro sui “contratti intelligenti”. Gli si attribuisce anche il merito di aver sviluppato il concetto di bit gold, che molti ritengono essere il primo precursore del bitcoin. Szabo ha partecipato attivamente alla comunità delle criptovalute fin dagli anni ’90 e il suo lavoro ha avuto un ruolo significativo nello sviluppo delle criptovalute.

I predecessori del Bitcoin

eCash

David Chaum è forse la persona più influente nel campo delle criptovalute. Il suo lavoro pionieristico nei sistemi di valuta digitale risale agli anni ’80, quando Internet era ancora agli albori, prima del lancio del World Wide Web. Nel 1981.

Chaum ha pubblicato il documento rivoluzionario “Untraceable Email, Reverse Addresses, and Digital Aliases”, un documento fondamentale nel campo della privacy di Internet che ha portato direttamente alla creazione di protocolli di privacy come Tor. Nel 1982 è stato introdotto il Privacy Shield. Chaum ha pubblicato Blind Signatures for Untraceable Payments (Firme cieche per pagamenti non rintracciabili), un documento fondamentale che illustrava un sistema di transazioni anonime che ha ispirato direttamente i futuri esperimenti con le valute digitali. Il sistema di pagamento eCash è il tentativo di Chaum di portare la privacy del denaro fisico e delle monete nel regno digitale con l’avvento dei servizi bancari elettronici.

Nel 1989, Chaum ha fondato DigiCash. Con sede ad Amsterdam, Chaum e il suo team hanno creato il protocollo eCash. Sebbene l’impresa non sia durata, eCash ha aperto nuove strade nel campo delle valute digitali. Pur non essendo una valuta completamente digitale come il Bitcoin, eCash prefigura quelle che oggi sono conosciute come valute digitali delle banche centrali (CBDC) e le stablecoin – asset digitali sostenuti da riserve ed emessi da una terza parte fidata, come una banca o un’azienda.

E-gold

Fondato da Douglas Jackson e Barry Downey nel 1996, E-gold è un sistema di valuta digitale sostenuto da riserve d’oro nei caveau di Londra e Dubai.

Denominato in grammi, l’E-gold ha fornito un sistema di pagamento online alternativo in grado di trasferire valore in modo rapido e senza confini, ma il progetto si è scontrato con problemi legali e sistemici significativi. L’economia di E-gold era gestita da un server centrale gestito da un’unica società, creando un unico punto di fallimento o di interruzione in caso di controversia tra operatori o di sospensione/sequestro da parte delle autorità. Inizialmente, il sistema E-gold non prevedeva molte restrizioni sulla creazione di account, il che ha portato all’utilizzo della valuta in varie attività criminali.

Sebbene Jackson e il team si siano impegnati per contrastare l’uso criminale di E-gold, alla fine sono stati riconosciuti colpevoli di gestire un’impresa di trasmissione di denaro senza licenza e l’impresa è stata chiusa. Mentre eCash è stato un sistema di valuta elettronica implementato in coordinamento con il sistema bancario esistente, E-gold ha operato come un sistema finanziario parallelo costruito interamente senza il riconoscimento o il coinvolgimento delle autorità di regolamentazione.

All’epoca, il governo degli Stati Uniti diffidava dell’accesso del pubblico alla crittografia a chiave pubblica e ai mezzi per criptare la propria presenza su Internet. Imprese come E-gold portano queste preoccupazioni nel processo delle transazioni sulle reti di comunicazione. Gran parte dell’attrito normativo che circonda le valute digitali alternative emerse in quel periodo persiste ancora oggi.

Hashcash

Nel 1992, i ricercatori IBM Cynthia Dwork e Moni Naor hanno esplorato i metodi per combattere gli attacchi Sybil, gli attacchi denial-of-service e i messaggi spam nei servizi Internet in rapida evoluzione come la posta elettronica. Nel loro articolo, “Pricing by Processing, or Fighting Spam”, i due propongono un sistema in cui il mittente di un’e-mail esegue una certa quantità di lavoro computazionale per risolvere un puzzle crittografico.

Il mittente poi allega all’e-mail una prova della soluzione: una prova di lavoro o PoW. Sebbene il costo computazionale di questo processo sia piuttosto banale, sarebbe sufficiente per scoraggiare efficacemente lo spam. Il sistema avrebbe anche avuto una ‘scappatoia’ che avrebbe permesso a un’autorità centrale di risolvere immediatamente l’enigma senza spendere lavoro.

Nel 1997, Adam Beck, 26 anni, laureato all’Università di Exeter, si è unito alla mailing list cypherpunk e ha proposto un sistema simile chiamato Hashcash. Questo sistema non aveva trappole, autorità centrali o enfasi sui puzzle crittografici. Invece, il processo si è concentrato sull’hashing.

Come nascono i Bitcoin?

Dopo aver pubblicato la sua proposta di otto pagine per un nuovo sistema di denaro digitale in una mailing list, Satoshi ha sottoposto la bozza a un gruppo online di crittografi, informatici e veterani del denaro digitale per discuterne e confrontarsi. Sebbene Satoshi abbia scritto gran parte della base di codice di Bitcoin prima della pubblicazione del libro bianco, è stato aperto alla revisione pubblica tra una comunità online di pari.

Fin dall’inizio, Bitcoin è stato un progetto software open source costruito e mantenuto da una comunità di sviluppatori e appassionati. L’8 novembre 2008, Bitcoin è stato registrato sulla piattaforma di sviluppo software open source SourceForge. Bitcoin è diventato quindi un progetto di squadra. Il 3 gennaio 2009, il blocco Genesis (o blocco zero) di Bitcoin è stato estratto da Satoshi (in un periodo di sette giorni). In questa transazione iniziale, definita anche transazione generazionale o “coinbase”, Satoshi ha incluso il seguente famoso messaggio:

“The Times 03/Jan/2009 Chancellor on brink of second bailout for banks”

Questo annuncio è stato un chiaro segnale delle intenzioni di Bitcoin. Mentre il mondo stava vivendo la più grande crisi finanziaria dalla Grande Depressione, nacque una nuova visione di un sistema monetario separato dallo Stato. Il Bitcoin ha fatto molta strada da allora. Oggi è utilizzato da milioni di persone in tutto il mondo ed è diventato una forma di pagamento accettata da molte aziende.

Anche se ci sono ancora alcune sfide da superare, sembra chiaro che il bitcoin è qui per restare. Solo il tempo ci dirà cosa riserva il futuro a questa incredibile innovazione.

Le prime transazioni in bitcoin nel mondo reale

Nel 2010, il programmatore Laszlo Haniec ha effettuato la prima transazione nel mondo reale, acquistando due pizze per 10.000 bitcoin. Questo evento è spesso considerato il momento in cui il bitcoin si è trasformato da un concetto accademico in una vera e propria valuta che può essere utilizzata per acquistare beni e servizi.

L’acquisto della pizza da parte di Haniec evidenzia un’altra delle caratteristiche uniche del bitcoin: la sua divisibilità. Ogni bitcoin può essere suddiviso in 100 milioni di unità più piccole, chiamate satoshi. Ciò significa che anche se un bitcoin vale molto in futuro, può comunque essere utilizzato per piccoli acquisti senza dover vendere alcun importo frazionario.

Conclusione

Il Bitcoin è unico perché non è controllato da un governo o da un’istituzione finanziaria. Le transazioni vengono verificate dai nodi della rete attraverso la crittografia e registrate in un registro pubblico distribuito chiamato blockchain. Il Bitcoin viene spesso definito come un “sistema di moneta elettronica peer-to-peer”. Ciò significa che le transazioni vengono elaborate direttamente tra gli utenti, senza bisogno di una terza parte.

Il fatto che il bitcoin non sia soggetto a regolamentazioni o controlli governativi lo rende interessante per molte persone. Tuttavia, significa anche che non c’è un’autorità centrale che supervisiona la rete, il che potrebbe potenzialmente causare problemi in futuro. Nonostante questo, il bitcoin ha dimostrato un’incredibile capacità di recupero finora e continua a crescere in popolarità nonostante le varie sfide.

Dean Dec

Autore: Dean Dec

Ha incontrato per la prima volta le criptovalute all'inizio del 2017 e da allora è rimasto affascinato dalla tecnologia e dai potenziali problemi globali che può risolvere. Il potenziale rivoluzionario della tecnologia blockchain lo ha entusiasmato e ha contribuito alla sua attenzione professionale per la digitalizzazione e il bitcoin.

Leave a Comment